Qual è la migliore pubblicità online per te?

Avere un’azienda e un sito di successo richiedono la giusta promozione e pubblicità
Un tempo la pubblicità era essenzialmente quella in televisione, sulla carta stampata o in radio. Ma, in un mondo interconnesso come quello odierno, la migliore scelta per la pubblicità è quella online.
Una strategia pubblicitaria digitale, oggi come oggi, rende possibile non solo creare un’azienda solida, competitiva e moderna ma fa sì che l’azienda abbia la maggiore esposizione possibile sul mercato. L’obiettivo finale, insomma, è raggiungere i clienti, fidelizzare e consolidare l’immagine del brand.
Le possibilità di scelta sono parecchie e tutto dipende dalle esigenze e dagli obiettivi specifici di ogni azienda.

Quali sono e come scegliere le varie tipologie di pubblicità online?
Le principali forme di pubblicità online disponibili alle aziende sono:
– i banner display;
– Google AdWords;
– l’advertising via social media (Facebook e Instagram);
– il retargeting.
Ciascuna tipologia di pubblicità ha le sue caratteristiche e un funzionamento diverso. La strategia di marketing adottata dall’azienda può portare a scegliere un solo tipo di pubblicità online oppure più tipologie adottando una strategia integrata.
I principali elementi su cui si basa la scelta della pubblicità online sono solitamente:
– il target specifico dell’azienda;
– gli obiettivi a medio e lungo termine dell’azienda.
In primo luogo, prima di investire in una campagna pubblicitaria online, un’azienda deve aver chiaro qual è la clientela che si vuole targetizzare. In ipotesi, il target di un’azienda e del suo sito web può essere rappresentato da giovani d’età compresa tra i 18 e i 25 anni oppure dagli adulti tra i 30 e i 45 anni.
Allora, i marketing specialist e i consulenti in materia di pubblicità online sono in grado di valutare quali sono gli strumenti online più adeguati a raggiungere il target.
In secondo luogo, una scelta efficiente di una pubblicità online per l’azienda richiede una buona analisi degli obiettivi aziendali. In particolare, si deve valutare se si cerca una soluzione pubblicitaria per una linea particolari di prodotti oppure, invece, per l’azienda in toto.
Vediamo le caratteristiche delle principali forme di pubblicità online per capire quali possono essere le migliori per un’azienda.

Come funzionano i banner display
I banner display sono una pubblicità online che funziona tramite un’immagine che compare sulle pagine web di utenti che rispondono allo specifico target d’interesse dell’azienda.
In particolare, il banner display potrebbe essere un’immagine statica o dinamica e può essere anche progettata così da invogliare l’utente a compiere un’azione ben precisa, ovvero cliccare su di essa. Sono presente sulla parte laterale della pagina web visitata.
Quando si clicca sopra il banner, l’utente viene re-direzionato subito alla pagina ufficiale del sito internet dell’azienda che produce il prodotto o eroga il servizio.
L’advertisement mediante banner display può funzionare secondo modalità diverse:
– con un pop-up o un pop-under;
– con i rich media;
– con l’interstitial.
In primo luogo, il pop-up apre un annuncio pubblicitario su una nuova finestra e in contemporanea alla pagina sulla quale viene visualizzato. Invece, il pop-under apre una finestra in secondo piano, visibile solamente quando l’utente chiude o riduce ad icona le altre finestre.
In secondo luogo, i rich media sono una forma di banner pubblicitari particolarmente interattivi grazie alla presenza di musica, video, immagini e testo, elementi utili per attirare gli utenti.
Infine, l’interstitial è un banner display che estende la pubblicità a tutta la finestra per qualche secondo prima del passaggio ad un’altra finestra o pagina web.
Sicuramente, i banner display sono una delle forme di pubblicità online più diffuse e hanno il vantaggio di consentire un monitoraggio in tempo reale di tutti i dati.

Come funziona Google AdWords
Il sistema di Google AdWords è una tipologia di pubblicità online molto diffusa che, come i banner display, mira ad aumentare la conoscibilità dell’azienda agli utenti.
Google AdWords consente, in particolare, due diverse campagne pubblicitarie online:
– la rete search;
– la rete display.
La prima tipologia agisce sulla SERP o “Search Engine Results Page” dando alla azienda che ha investito in Google AdWords la possibilità di avere una posizione privilegiata all’interno dei risultati di determinate ricerche fatte tramite il motore di ricerca Google.
In questo modo, gli utenti che sono potenzialmente interessati all’acquisto saranno i primi a visualizzare il sito web dell’azienda con il vantaggio di aumentare in misura significativa la propensione all’acquisto.
La seconda tipologia, ovvero la Rete Display, è costituita da una rete di messaggi, video, annunci pubblicitari e banner su diverse pagine web (non sempre correlate all’azienda). Questo metodo consente senz’altro di aumentare la familiarità degli utenti con le inserzioni pubblicitarie online dell’azienda e, quindi, con l’azienda stessa.
Il costo di Google AdWords varia a seconda di diversi elementi. In ogni caso si può dire che presenta molti vantaggi. Il primo fra tutti è che consente di monitorare in modo costante come una campagna pubblicitaria online sta andando, così da poter eventualmente modificare le impostazioni.
Il secondo, invece, è che si tratta di una forma di pubblicità online adatta non solo alle grandi imprese ma anche a piccoli imprenditori o liberi professionisti.

Come funzionano le Facebook ads
La pubblicità su Facebook rientra tra le pubblicità online che utilizzano come base un social network. Facebook conosce gli utenti iscritti, la loro età, la loro localizzazione e, infine, le loro preferenze grazie alle informazioni inserite sul profilo personale. Tutte queste informazioni, insieme ai like e ai post degli utenti di Facebook, rendono possibile inserire pubblicità interne al social network che rispecchiano gli interessi e la propensione potenziale agli acquisti degli utenti.
Le Facebook ads, quindi, consentono di promuovere un prodotto o un servizio, una pagina Facebook, un sito web o un’app con due modalità fondamentali.
Il primo metodo consente di posizionare le inserzioni pubblicitarie nella parte a lato della pagina. Il secondo, invece, è quello di sponsorizzare alcune notizie che poi si presenteranno come contenuto sponsorizzato agli utenti prescelti.
I vantaggi dell’advertising su Facebook sono i seguenti:
– il social ha ben 2 miliardi di utenti;
– ogni pubblicità viene direzionata a una categoria specifica di utenti;
– è possibile monitorare l’andamento delle campagne pubblicitarie;
– si crea un’immagine curata e precisa dell’azienda attraverso una pubblicità online mirata.
Il numero elevato di utenti su Facebook garantisce l’accesso a un numero altissimo di potenziali clienti.
Inoltre, il fatto che Facebook sia in possesso di informazioni sull’utente consente di suddividere ognuno in fasce specifiche in base all’età, alla localizzazione geografica, al sesso e alle preferenze (si pensi al caso in cui un utente metta dei like a pagine sul calcio, palesando quindi il suo interesse per gli sport). Le ads su Facebook sono, allora, dirette non a tutti gli utenti indiscriminatamente ma solo a quelli rientranti in un target specifico di interesse per l’azienda. In questo senso, investire nelle ads su Facebook ha il merito di riuscire a rendere semplice l’incontro tra domanda e offerta.
Infine, le ads su Facebook rende possibile creare e curare l’immagine dell’azienda.

Come funzionano le Instagram ads
Instagram, il social network delle foto, fa parte sempre di Facebook e recentemente è diventata una piattaforma che le aziende e i brand possono sfruttare per mettere i propri annunci pubblicitari. Attraverso gli stessi strumenti di advertising presenti su Facebook, infatti, è possibile sponsorizzare i propri contenuti affinché il target degli utenti specifici possa visualizzarli e, cliccandoci sopra, siano direzionati ai principali contenuti pubblicati dall’azienda.
I vantaggi della pubblicità online su Instagram sono molto simili a quelli di Facebook visto che gli strumenti di gestione di contenuti sponsorizzati sono i medesimi.
Nel 2018 Instagram conta circa 700 milioni di utenti e una buona percentuale sono attivi e interagiscono su base giornaliera con il social network. Questo significa che anche in questo caso le aziende potranno mostrare i propri contenuti e le ads a un gruppo ampio di utenti aumentando la visibilità del brand.

Come funziona il retargeting
Il retargeting è una forma di pubblicità online indirizzata ad una categoria precisa di utenti. In generale, si tratta di un’azione rivolta a tutti gli utenti che visitano il sito e, tuttavia, non effettuano una delle azioni sperate dall’azienda, per esempio se non si iscrivono alla newsletter. Si tratta in ogni caso di clienti molto vicini all’azienda, nel caso di un e-commerce sono gli utenti che comprano con una certa assiduità e che da qualche tempo non hanno effettuato acquisti oppure quelli che hanno lasciato uno o più articoli nel loro carrello e non hanno finalizzato l’acquisto.
In tutti questi casi questi utenti si sono dimostrati in passato propensi all’acquisto si possono dedicare alcune risorse, come il retargeting, che consente di raggiungere gli utenti che hanno visitato il sito.
Il retargeting funziona attraverso i cookies, una tecnologia basta su un codice pixel che l’azienda inserisce nel suo sito internet.
Ogni volta che un utente visita la pagina web, il pixel rilascia un cookie al browser utilizzato (per esempio Google Chrome, Safari ovvero Internet Explorer). In questo modo l’utente che ha visitato il sito, ha riempito il carrello senza comprare o non si è registrato potrà essere rintracciato sul web.
A questo punto, su queste persone che hanno dimostrato di avere un certo grado di interesse per il brand dell’azienda si possono intraprendere diverse azioni per fare il retargeting. In particolare, si possono scegliere due strategie:
– un dialogo diretto con l’utente e la presentazione di incentivi;
– un dialogo indiretto con l’utente utilizzando strumenti di marketing inbound e outbound.
Nella prima strategia l’azienda può inviare alcune e-mail per offrire occasioni speciali, sconti o offerte su alcuni prodotti o articoli oppure, ancora, per invitare a ultimare gli acquisti rimasti incompiuti.
La seconda strategia è quella più efficiente e complessa e consiste nell’utilizzare oltre al primo strumento una strategia digitale integrata che si serve di Google AdWords e del social media marketing (Facebook e Instagram).
Tuttavia, nell’ambito di una strategia di retargeting di questo tipo la finalità non è attirare utenti e assicurare la conoscibilità dell’azienda, ma quella di ottimizzare la conversione. Il concetto di ottimizzazione della conversione significa che l’azienda deve adottare strategie opportune per farsi che la prima visita degli utenti al sito web si converta in un’azione specifica, come l’acquisto di un prodotto o l’iscrizione alla newsletter.

Conclusioni
L’ “Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano” ha stimato che nel 2017 il valore degli investimenti delle aziende nella pubblicità online (banner display, ads su Facebook e Instagram e Google AdWords) ha raggiunto i 2,65 miliardi. Si tratta di un numero notevole che fa comprendere le potenzialità e la crescita di questo mercato.
Un’azienda di successo si basa necessariamente su una buona campagna marketing e pubblicitaria online per avere il proprio target di clienti a portata di un semplice click.
Sicuramente, non si deve pensare che la pubblicità online sia una prerogativa delle grandi imprese, anzi soprattutto le piccole e medie imprese possono sperimentare tutti i benefici di essere pubblicizzate online. Il segreto di una strategia vincente in questo campo è studiare gli obiettivi e capire quali siano i canali pubblicitari online più adeguati al tipo di impresa. Non si può escludere tuttavia che un’azienda decida di ripartire proporzionalmente il proprio budget pubblicitario su più canali, magari su Facebook, Instagram e Google AdWords.
Insomma, nell’epoca di Internet, dove tutto è alla portata di tutti e con semplicità si possono raggiungere milioni di potenziali clienti, è fondamentale avere una strategia pubblicitaria online conforme agli obiettivi aziendali di medio e lungo termine.

Chiama
Email