Brand manual: letteralmente il manuale d'uso del brand - Pasquini Associati

Brand manual: letteralmente il manuale d’uso del brand

 

Iniziamo con lo specificare cos’è il brand e perché viene creato. Il brand è il logo o l’immagine, il testo, il simbolo o disegno che viene creato per far conoscere la propria azienda o attività commerciale.

Senza questo marchio oggi note società tipo “McDonald”, “Microsoft” e altre multinazionali non sarebbero riconoscibili al primo impatto e quindi non godrebbero della popolarità che oggi possiedono.
Attenzione a non pensare che il marchio e la marca siano la stessa cosa, anzi, non è assolutamente così. Si tratta infatti di due cose diverse.

  • Il marchio è un insieme di nomi, slogan accompagnati da un’immagine.
  • La marca invece è il nome del prodotto che viene indicato al consumatore.

All’interno della marca si trova anche il marchio e non solo: lo stesso raffigura anche la storia dell’azienda.

Vediamo insieme però come si crea un marchio e qual è lo studio che viene eseguito affinché il proprio marchio sia subito riconoscibile e di impatto.
Il brand è essenziale per un’azienda, ma affinché sia forte e non risulti debole, si devono tener presenti due aspetti fondamentali.

– Il primo è che il proprio brand deve essere unico e non associabile a nessun’altra azienda.
– Il secondo è realizzare un manuale associato al proprio logo, che lo aiuti a renderlo importante nel mondo digitale e non solo: il Brand Manual.

Ma cos’è il Brand Manual? A chi si rivolge? Ma soprattutto a cosa serve e perché è importante crearlo?

Il Brand Manual è una guida che non illustra soltanto le attività di presentazione del proprio logo al pubblico, ma descrive anche le attività di marketing per attirare il proprio target, con l’obiettivo di spingerlo all’acquisto del prodotto ed aumentare il fatturato aziendale.

Inoltre tale guida non serve solo all’azienda, ma anche a coloro che guardano dall’esterno dell’azienda poiché contiene le istruzioni per far si che il logo sia sempre identificabile su qualsiasi mezzo di comunicazione, sia visivo che online.
Essere riconosciuti dal consumatore, al momento dell’acquisto, è essenziale attraverso il brand.

Ma come si fa a far sì che il proprio marchio sia riconosciuto dai consumatori?

E’ proprio attraverso questi manuali (i quali contengono numerose informazioni utili) che si rende il proprio brand riconoscibile tra tanti.

Questa guida che può essere di lunghezza variabile (ad esempio ci sono società che hanno guide da circa venti pagine, ma anche altre che realizzando brand manuale di più di cento pagine), deve contenere le linee guida su come tutti gli aspetti del brand verranno trattati. Nel manuale deve essere indicata la corretta e precisa descrizione di ciò che il logo rappresenta e di tutto ciò che lo circonda.

 

Come realizzare il manuale del proprio brand

 

Ogni manuale viene creato ad immagine e somiglianza del proprio logo e può subire modifiche durante il corso degli anni. Esistono anche dei manuali che seguono delle precise linee guida (ad esempio l’utilizzo di colori preimpostati o il carattere da utilizzare per il testo del logo), mentre per lo stesso logo ci sono degli aspetti essenziali da rispettare.

Questi aspetti del logo sono:

1) la versione del marchio sia in positivo (quindi con i colori standard) e sia in negativo (quindi con i colori opposti ai precedenti).

2) Il logo non può essere al di sotto di determinate dimensioni.

3) La posizione dello stesso all’interno dello spazio, rispetto al testo e la grandezza tra lo stesso logo e il testo.

4) Ed infine, man mano che si realizza il proprio manuale si devono valutare altri aspetti.
Il manuale del brand deve essere coerente con il logo e quindi tutto deve corrispondere allo stesso come colori, carattere del testo, e molto altro ancora.

Tutti questi aspetti devono essere dettagliati ma non solo, si devono anche prevenire gli errori.
Il manuale non deve essere realizzato pensando che non si possa più modificare anzi, se si ritiene opportuno apporre modifiche che aiutino a rendere più riconoscibile il proprio marchio, è possibile integrare i contenuti del Brand Manual, aggiungendone di nuovi.

Come anticipato infatti il manuale può essere sia breve che lungo, per cui è fondamentale, laddove il manuale contenesse tante pagine, inserire un indice degli argomenti, cosi da agevolare la ricerca delle informazioni richieste e migliorare il proprio brand.

Un altro aspetto importante è che il manuale deve contenere immagini: a volte quest’ultime possono essere più importanti delle parole stesse.

 

Come nasce il manuale

 

Come precedentemente anticipato, per creare il manuale del brand bisogna rispettare degli aspetti che adesso andremo a guardare nel dettaglio.

Le specifiche per creare un ottimo marchio sono l’immagine del logo, la posizione dei principali elementi, i colori e le distanze tra gli stessi. Inoltre, per far sì che la qualità del marchio sia accattivante e differente rispetto a ciò che è presentato dalla concorrenza, è necessario, non solo rispettare le regole base precedentemente indicate, ma avere anche cura dei particolari e dei dettagli. In questo modo si infonderà al proprio marchio un’intensità professionale.

L’azienda o il personale che realizza il proprio brand può pensare sia ad una versione orizzontale, sia ad una versione verticale. Come anticipato l’eventuale dimensione non può essere al di sotto di determinate grandezze ,sia se si pensa di stampare il logo su dei volantini, sia se si pensa di utilizzare il marchio su una propria pagina online.
Inoltre, va rispettata anche una certa distanza tra il marchio e il testo che si viene inserito.

 

Quali sono i colori

 

La scelta dei colori e della forma del logo sono importantissimi, infatti spesso i loghi vengono riconosciuti proprio grazie a questi aspetti.

All’interno del manuale, oltre a definire i colori del marchio, si devono anche definire i colori degli eventuali sfondi che saranno presenti intorno al marchio. Esistono infinite combinazioni di colore ma non tutte vanno bene all’interno del proprio progetto, infatti ci si dovrà focalizzare su quelle idonee al logo.

Se si decide di stampare dei volantini o mettere online il proprio logo, si devono rispettare le caratteristiche proprie di questi aspetti, infatti per le stampe si utilizzano i modelli di colore quadricromia (che sono i quattro colori essenziali proprio per stampare, ovvero ciano, magenta, giallo ed infine, non meno importante rispetto agli altri tre, il nero).

Per quanto riguarda invece la realizzazione di immagini da utilizzare online è necessario utilizzare i modelli di colore digitale RGB (per questo modello i colori essenziali sono il rosso, verde e blu).

 

Come scegliere il formato del testo

 

Nella fase di creazione del marchio la scelta del carattere del testo è fondamentale. Non è possibile utilizzare lo stesso carattere se si intende veicolare il proprio brand sia nel mondo della carta stampata, che in quello digitale.

Per il mondo digitale vanno scelti caratteri semplici e mobile friendly.

Per la stampa di volantini, invece, si possono scegliere caratteri anche opposti allo stile digitale, l’importante è che entrambi i caratteri scelti abbiano tra loro dei componenti in comune.

 

Come scegliere e utilizzare l’immagine per il proprio logo

 

Per le immagini gli aspetti fondamentali da considerare è capire se si possono utilizzare solo immagini grafiche, o anche delle foto o delle illustrazioni.

In base a ciò che si sceglie, la guida deve indicare la provenienza delle immagini e la possibilità di modificarle, ove possibile.

Se vi state chiedendo se si possono utilizzare le fotografie o se solo illustrazioni, sappiate che potete utilizzare entrambe le cose.
Inoltre se avete altri dubbi e domande sulle immagini da utilizzare non vi preoccupate, il manuale viene realizzato proprio per rispondere a tutti i vostri quesiti.

 

Le applicazioni che si possono utilizzare

 

Un altro aspetto da considerare all’interno del manuale del brand è capire come il logo può essere utilizzato all’interno delle mail, nei bigliettini da visita, nei documenti e altrove.

Ad esempio si può definire come deve essere impostata la tabulazione per scrivere ed inviare una mail o una lettera che rispecchia la propria azienda, oppure come scegliere e utilizzare i colori all’interno degli sfondi per i bigliettini da visita o nei volantini pubblicitari.
Le infinite applicazioni da utilizzare dimostrano la potenzialità del proprio brand.

 

Creare un indice per il manuale

 

Dopo aver considerato tutti gli aspetti fondamentali per creare il manuale del brand, è importante inserire e redigere anche un indice degli argomenti, così che chiunque possa trovare subito le informazioni basilari e importanti.

 

Perché è importante realizzare il manuale

 

È importante realizzarlo perché quest’ultimo aiuta a rendere il proprio logo coerente e subito riconoscibile al pubblico, a prescindere dal tipo di mezzo di comunicazione utilizzato.
Questo manuale è composto da linee guida che specificano come il pubblico entra in contatto con l’azienda attraverso il tuo marchio.

 

Perché investire sul brand

 

Investire sul brand per un’azienda è fondamentale, poiché ciò gli permette di essere facilmente riconosciuto dal proprio cliente tipo. Se l’azienda non non ha un proprio marchio o realizza un logo poco accattivante, difficilmente il cliente finale acquisterà il prodotto pubblicizzato.

Il marchio serve dunque al cliente per valutare i prodotti che quella determinata azienda vende. Un logo accattivante spingerà il cliente a provare il prodotto e di conseguenza, consentirà all’azienda di farsi conoscere, con un conseguente aumento del proprio fatturato.

Se un’azienda realizza un marchio efficace e lo associa ai propri prodotti, i benefici che ne conseguiranno saranno:
a) aumento di vendita del prodotto,
b) aumento del prezzo del prodotto nel tempo;
c) vendita del prodotto nel minor tempo possibile.

Considerando tutti questi fattori il risultato sarà davvero invitante. Si potrà dunque investire anche in analisi di mercato, utili per creare strategie consone e idonee, che aiutino la propria azienda a crescere nel minor tempo possibile, guadagnando il massimo del compenso.

 

Conclusione

 

In conclusione creare un manuale per il proprio marchio è fondamentale. Il manuale dev’essere intuitivo, completo, di facile lettura e specifico.

Non va creato un manuale ristrettivo perché si rischia di non far spiccare e crescere il proprio logo. Inoltre è fondamentale realizzare un documento che sia il più coerente possibile con quelli che sono gli obiettivi aziendali.

Esistono aziende che si occupano proprio di realizzare questi manuali e che, seguendo le direttive aziendali, creeranno il logo perfetto per far sì che la propria azienda sia facilmente riconoscibile.

Infine è fondamentale ricordarsi di aggiornare il manuale ogni qualvolta il logo subisca delle modifiche, inserendo tutte le novità inerenti al logo o alle campagne di marketing dello stesso.

Chiama
Email